SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE SOPRA I 35€

Conosci la Dea che è in te?

Conosci la Dea che è in te?

Ogni donna possiede nelle sue radici la forza di più Dee, fra di esse vi sono coloro che sono più vive e attive, che si manifestano nel comportamento e mediante la personalità.

Di fatti ciò che realizza una donna può non avere senso per un’altra: a seconda della dea che agisce in lei.

Basandoci su questo concetto analizzato da Jung e molti altri studiosi fra le quali anche la Psichiatra J. S. Bolen, emerge che più la personalità di una Donna è complessa, più grande è la possibilità che le Dee attive siano più di una. La presenza di più Dee attive si esprime in comportamenti, modalità di azione e pensieri ben circoscritti. Accade soprattutto nei periodi di forte cambiamento ormonale che tali “modalità” possono mutare repentinamente oltre a esserci un grande conflitto interiore fra pensieri ed emozioni.

Analizzando le peculiarità delle singole Dee, è possibile riconoscere quale archetipo è attivo dentro di noi in questo periodo della nostra vita e quale invece non è sviluppato o sopito.

Scopriamo insieme quali sono le diverse Dee, divise per categoria:

Dee Vergini

  • Artemide (Diana per i romani) è la dea della caccia e della luna, la dea di luoghi selvaggi, arciera dalla mira infallibile e protettrice dei piccoli di ogni essere vivente.
  • Atena (Minerva per i romani) è la dea della saggezza e dei mestieri, la migliore stratega nelle battaglie.
  • Estia (Vesta per i romani) è la dea del focolare, presente nelle abitazioni come il fuoco al centro della casa e dei templi.

Raffigurano le qualità femminili dell’indipendenza e dell’autosufficienza, gli attaccamenti emotivi non le distolgono da ciò che ritengono importante, non agiscono da vittime e non soffrono. La figura della Dea Vergine si mostra come Donna cui l’uomo non riesce a possedere o “penetrare”, non viene toccata dal bisogno di un uomo o dalla sua approvazione, che esiste di per sé interamente separata da lui.

Dee Vulnerabili

  • Era (Giunone per i romani) ha bisogno di un compagno di vita e farebbe di tutto pur di tenerlo a sé. E’ attratta da uomini potenti oppure bisognosi di calore.
  • Demetra (Cerere per i romani) simboleggia l’archetipo della madre, l’istinto materno che può manifestarsi non solo con i figli ma anche con un atteggiamento di accoglienza, generosità nei confronti degli altri.
  • Persefone (Proserpina per i romani, figlia di Demetra) è una dea dalla duplice identità: era Kore (giovinetta) e regina degli Inferi (donna matura). Questa dualità è presente anche sotto forma di modelli archetipici. La donna Persefone può essere influenzata da uno dei due aspetti, passare dall’uno all’altro, oppure averli entrambi dentro di sé.

Rappresentano i ruoli tradizionali di moglie, madre e figlia…dee la cui identità e il cui benessere dipendono dalla presenza, nella loro vita, di un rapporto significativo, esprimono il bisogno di appartenenza e di legame tipico delle donne sintonizzate sugli altri e molto vulnerabili.

Dee Alchemiche (o portatrici di trasformazione)

  • Afrodite (Venere per i romani) dea dell’amore e della bellezza, in quanto dea alchemica come archetipo spinge la donna a cercare nei rapporti l’intensità e la stabilità e a tenere in grande considerazione il processo creativo e ad essere sempre aperta al cambiamento.

Conoscere quali sono attive dentro di te

Possiamo già cominciare a identificare da questa breve descrizione delle dee dell’olimpo le emozioni che caratterizzano le tipologie di donna ad esse collegate. Ognuna di noi può riconoscere l’influenza di queste dee nella propria vita e assicurarsene la protezione e la forza…

In quale Dea ti sei riconosciuta?

Lascia un commento

Start typing and press Enter to search

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.